header FaceBook Guarda il sito dei Patriarchi in Italiano Read Patriarchi's website in English
Lazio - Cerro di Sant'Angelo

Lazio - Cerro di Sant'Angelo

 

Cerro di Sant'Angelo
Cerro (Quercus cerris L.)
Comune: Amatrice (RI), frazione Sant'Angelo
Circonferenza del tronco: 7,05 mt. - Altezza: 22 mt. (rilievo 2010)
Età stimata: 600 anni



Percorrendo la statale N° 4 Salaria, da Rieti verso Ascoli Piceno, una trentina di chilometri dopo aver superato le "Gole del Velino" troveremo l'indicazione per Amatrice, pittoresca cittadina arroccata a 950 metri di altitudine. Siamo alle falde dei Monti della Laga, la catena montuosa appenninica che, assieme al più famoso Gran Sasso, fa parte oggi di un parco nazionale e costituisce uno dei più selvaggi territori naturali d'Italia. Poco a valle del paese si prende per Sommati e Sant'Angelo, superato il borgo in direzione monte si raggiunge il cimitero e il nostro patriarca. Questo territorio è stato purtroppo sconvolto dal terribile terremoto del 2016  che ha distrutto la città di Amatrice e delle sue frazioni, compresa Sant'Angelo. Il vecchio patriarca arboreo sembra non aver subìto danni dal sisma, muto testimone di quei tragici giorni. L'altezza è modesta ma fra i grandi cerri italiani è questo quello che presenta le maggiori dimensioni in circonferenza del tronco, anche perchè il suo più diretto rivale, il cerro di Montelibretti, è morto alcuni anni fa. Nonostante la veneranda età ed uno stato sanitario non perfetto, l'albero presenta un sensibile accrescimento annuale, tant'è che dal censimento del CFS (1982) al 2010, quando lo abbiamo misurato noi, la circonferenza del tronco risulta essere superiore di oltre quaranta centimetri. Considerata questa velocità di crescita, l'età attribuitagli e forse eccessiva; infatti, supponendo che l'accrescimento annuale sia sempre stato costante, il calcolo empirico suggerisce una età di circa 400 anni.

Indietro alla cartina delle regioni Torna alla cartina dei patriarchi